Home > Leggi news

Anche in autunno, evviva il nuoto

03 dicembre 2014
nuoto

L’attività fisica regolare in piscina è utile, ma attenzione agli sforzi troppo intensi

Il movimento in acqua consente di far sviluppare in maniera armonica i diversi fasci muscolari a patto che le bracciate siano quanto più possibile fluide, dolci e continue. E soprattutto, senza esagerare con un occhio al cronometro se non si è allenati. Non serve a nulla, ed anzi può risultare addirittura dannosa, una nuotata rapida e veloce cui segue un lungo riposo.  Meglio invece, per chi va in piscina, ripetere i 50 metri ripetuti per dieci volte, con almeno una decina di secondi di pausa tra un vasca e la successiva. E dopo un necessario periodo di riscaldamento. Esagerando si può andare incontro ad affaticamento muscolare, con dolori localizzati alle gambe, o a crampi, soprattutto al polpaccio, se si esagera con lo sforzo. Quando i dolori muscolari insorgono dopo uno sforzo fisico intenso occorre fermarsi immediatamente. Per prevenire i fastidi conviene cercare di fornire al corpo sali minerali e sostanze utili per il muscolo per eventuali momenti di carenza. Non appena il dolore muscolare si presenta, soprattutto se non c’è stato un trauma a giustificarlo, bisogna fermarsi e massaggiare la parte colpita. Dopo di che, se il dolore non diminuisce e si manifesta dopo un piccolo sforzo, conviene rassegnarsi e mettersi a riposo. Magari con il supporto di farmaci antinfiammatori nelle forme più gravi o comunque con pomate lenitive. 
 

Tags:

Termine del mese
Algia

Termine di origine latina che esprime la presenza di dolore. Spesso viene utiliz...

Approfondisci

Il farmaco di automedicazione, contrassegnato da un bollino rosso che riporta la scritta “Farmaco senza obbligo di ricetta”, è un farmaco per l’acquisto e l’assunzione del quale non è necessaria la ricetta medica.

Copyright © Assosalute 2014 Via Giovanni da Procida 11, 20149 Milano - Tel. +39 02 34565324