Home > Leggi news

Attenti alla musica in cuffia, l’udito può soffrire

25 giugno 2015
attenti alla musica in cuffia

Troppa musica, a volume troppo alto, danneggia le capacità uditive. Tra clacson che strombazzano nel traffico, musica da discoteca a palla, cuffiette che riproducono per ore le note preferite direttamente nell'orecchio il nostro udito può andare in crisi. Basti pensare che l’esposizione a rumori superiori a 90 decibel per 8 ore al giorno -  in pratica una soglia che definisce il rumore forte come la sirena di un’ambulanza che passa - può indurre negli anni una perdita uditiva permanente. Insomma, c’è di che essere quanto meno “attenti” alle proprie orecchie. Ed è quindi logico seguire qualche consiglio facile. Per evitare danni audiologici, è consigliabile almeno alternare l'esposizione al suono di alto livello con pause di "decompressione" dallo stress uditivo, ovvero non esporsi a suoni di potenza elevata per periodi prolungati e vicini tra loro. In qualche caso, poi, l’esposizione eccessiva alla musica può comunque compromettere temporaneamente il sistema uditivo e il corpo ci invia dei segnali che fanno capire la sofferenza. Infatti, meglio “pensare” alle proprie orecchie quando si avvertono segnali di allarme come: abbassamento temporaneo dell'udito, comparsa di fischi e senso di stordimento. Strano ma vero, il rischio di danni all'udito sul lungo periodo si corre più facilmente nell'ascolto in cuffia, specie se prolungato per diverse ore al giorno: se non si fa attenzione, infatti, il livello di pressione sonora può superare 110 decibel.

Tags:

Termine del mese
Istamina

È una sostanza che entra in gioco in diverse reazioni dell’organismo, in partico...

Approfondisci

Il farmaco di automedicazione, contrassegnato da un bollino rosso che riporta la scritta “Farmaco senza obbligo di ricetta”, è un farmaco per l’acquisto e l’assunzione del quale non è necessaria la ricetta medica.

Copyright © Assosalute 2014 Via Giovanni da Procida 11, 20149 Milano - Tel. +39 02 34565324