Home > Leggi news

Per le cene troppo ricche, una fetta di ananas!

30 luglio 2015
Per le cene troppo ricche, una fetta di ananas!

Anche in estate lo stomaco può soffrire. Pasti “pesanti” significano digestione lenta e insonniaChi ha detto che in estate lo stomaco non va incontro a bruciori, digestione lenta e dolori sappia che sta sbagliando. Anche nella bella stagione, infatti, le cene eccessivamente “elaborate” e i barbecue molto ricchi possono aumentare i rischi di andare incontro a fastidi di questo tipo, pur se siamo rilassati e teniamo lontano lo stress. Per questo è meglio non esagerare con le porzioni e soprattutto con i grassi da condimento, lasciando invece spazio alla frutta e alla verdura. E magari, quando una splendida cena estiva tra amici chiede il conto al vostro apparato gastrointestinale, potete ricorrere ai farmaci di automedicazione, che ci aiutano a vincere i disturbi e ci restituiscono la possibilità di dormire tranquillamente, combattendo anche l’insonnia legata alla cattiva digestione. Tra i consigli, non dimenticate mai il valore dell’ananas a fine pasto. E non tanto perché “brucia i grassi” riducendo, come molti erroneamente pensano, l’introito calorico, ma per la sua attività di aiuto alla digestione. Il "frutto eccellente" – così lo chiamavano gli antichi indigeni del Brasile – è fatto per l'86 per cento di acqua ed è praticamente privo di calorie, tanto che cento grammi di polpa apportano 40 calorie. In più, non contiene praticamente grassi e colesterolo. Oltre ad essere gustoso e adattarsi alle diete, l’ananas contiene anche un enzima, la bromelaina, che ha azione proteolitica. In parole più semplici, favorisce la digestione delle proteine diventando quindi ideale dopo un pasto che contenga carne, pesce o formaggi. Un unico consiglio: perché si possano ottenere i massimi risultati in aiuto alla digestione lenta, l'ananas va consumato fresco. La bromelaina infatti viene distrutta dal calore e quindi scompare nel frutto quando viene sottoposto a cottura, come avviene nelle marmellate, nei dolci e nell'ananas in scatola.

 

 

 

Tags:

Termine del mese
Tachicardia

Il termine descrive l’aumento della frequenza dei battiti cardiaci, come si può ...

Approfondisci

Il farmaco di automedicazione, contrassegnato da un bollino rosso che riporta la scritta “Farmaco senza obbligo di ricetta”, è un farmaco per l’acquisto e l’assunzione del quale non è necessaria la ricetta medica.

Copyright © Assosalute 2014 Via Giovanni da Procida 11, 20149 Milano - Tel. +39 02 34565324