Home > Leggi news

Repetita iuvant, è proprio vero!

23 novembre 2016
repetita iuvant

Quando si studia una nuova lingua e si ha la memoria un po’ “corta”, ripetere le parole è di grande aiuto, anche se lo stress a volte gioca brutti scherzi. Così facendo, nonostante l’ambiente esterno possa distrarre, il ricordo della parola si fisserà molto meglio in quella che viene definita memoria verbale. A consigliare questa semplice misura è una ricerca condotta da Victor Boucher e Alexis Lafleur, dell’università di Montreal, apparsa sulla rivista Consciousness and Cognition. Lo studio ha preso in esame 44 studenti universitari, dimostrando che la semplice ripetizione mentale, a voce bassa, seguendo uno schermo o ascoltando un’altra persona può essere davvero utile. Come a dire che la memoria ha bisogno di ripetizioni!

Tags:

Termine del mese
Parestesia

Sensazione anomala legata ad uno o più nervi. Può interessare diversi aspetti se...

Approfondisci

Il farmaco di automedicazione, contrassegnato da un bollino rosso che riporta la scritta “Farmaco senza obbligo di ricetta”, è un farmaco per l’acquisto e l’assunzione del quale non è necessaria la ricetta medica.

Copyright © Assosalute 2014 Via Giovanni da Procida 11, 20149 Milano - Tel. +39 02 34565324