Home > Leggi news

Se il neonato vola in aereo…

05 gennaio 2017
se il neonato vola in aereo
Attenzione al mal d’orecchio. Per i piccoli compensare è più difficile

Tutti sanno che esiste una sorta di “mal d’orecchio” che interessa chi viaggia soprattutto nelle fasi che seguono il decollo e precedono l’atterraggio. Quello che non sempre viene tenuto in debita considerazione, specie in un periodo di vacanza quando ci si sposta con bambini piccoli è che i fastidi legati agli sbalzi pressori posso essere più difficili da compensare e sopportare soprattutto per i più piccoli. Come comportarsi? Ad esempio è utile, soprattutto per i bimbi di pochi mesi, provare a farli ciucciare offrendo una tettarella con qualche liquido: in questa fase sarebbe importante riuscire a mantenere sveglio il bimbo, perché durante il sonno le deglutizioni si riducono. Se il piccolo è più cresciuto un aiuto può venire dalle gomme da masticare: grazie a questa semplice misura si apre la tuba di Eustachio che collega il naso con il timpano favorendo la decompressione sullo stesso, causa del dolore. Attenzione però: se è in corso una sinusite o un’otite, meglio evitare il viaggio e se c’è già mal d’orecchio meglio sentire il pediatra  e portare con sé i farmaci di automedicazione consigliati  per lenire l’eventuale dolore. Il viaggio sarà più sereno per tutti!

Tags:

Termine del mese
Parodontite

Infezione dei tessuti parodontali, che determina una perdita d'attacco dei denti...

Approfondisci

Il farmaco di automedicazione, contrassegnato da un bollino rosso che riporta la scritta “Farmaco senza obbligo di ricetta”, è un farmaco per l’acquisto e l’assunzione del quale non è necessaria la ricetta medica.

Copyright © Assosalute 2014 Via Giovanni da Procida 11, 20149 Milano - Tel. +39 02 34565324