Home > Leggi news

Allergie: una mini-guida per comprenderne i segnali

04 aprile 2017
I mille volti dell allergia

Ci siamo: i pollini iniziano a circolare pericolosamente nell’aria e iniziano i fastidi legati all’allergia.
Ma non sempre siamo in grado di riconoscerli, anche perché a volte i sintomi non sono quelli classici del “raffreddore da fieno” e si differenziano dal semplice starnuto, dagli occhi rossi o dalla sensazione di naso chiuso. Eppure si tratta di allergia, magari legata a qualche altro elemento come sostanze nascoste nei cibi o che entrano a contatto con la pelle. Come sapere se si può trattare di allergia?
Ecco una guida semplice per comprendere la situazione e prendere tutte le misure del caso:

  • Naso: Si comincia con una serie di starnuti, accompagnati da una forte produzione di muco liquido, quasi acquoso, diverso da quello del comune raffreddore più denso e di colore giallastro. Spesso è presente anche un forte prurito al naso associato all’ostruzione delle narici. Questo problema dà spesso la sensazione di non percepire gli odori e costringe a riposare con la bocca aperta, perché non si riesce a respirare attraverso il naso.

  • Occhi: anche in questo caso il prurito è il fastidio preminente. Obbliga a sfregarsi continuamente gli occhi, aumentando l’arrossamento. In più c’è spesso una lacrimazione inarrestabile, cui si associa il fastidio a vedere in ambienti molto luminosi. 
  • Vie respiratorie: il primo segnale d’allarme è spesso una tosse stizzosa che segnala una tracheite, il primo elemento che, indica una infiammazione in atto e che nelle forme gravi, può portare a crisi di asma bronchiale e a difficoltà respiratorie di varia entità.  
  • Sintomi generali: a volte, durante una crisi, possono comparire anche una sensazione di malessere diffuso e qualche linea di febbre. Inoltre l’ostruzione nasale legata alla presenza di muco in eccesso, che tende a spostarsi verso l’interno nelle cavità ossee del cranio (i cosiddetti seni)  può portare anche a mal di testa localizzato alla fronte.
  • Bocca e labbra: in qualche caso l’allergia può provocare anche disturbi alle labbra e alla bocca, che gonfiano e si arrossano.
  • Pelle: il sintomo più tipico è il prurito. Spesso compaiono anche chiazze arrossate o piccole macchioline rosse, come quelle dell’orticaria. Solitamente questi disturbi si manifestano quando entriamo in contatto diretto con sostanze alle quali siamo allergici.
  • Apparato digerente. Dolori di pancia e diarrea senza particolari motivi  possono indicare un’allergia o un’intolleranza alimentare.

Quando una persona sa di essere allergica, impara, col tempo, anche grazie alle indicazioni del proprio medico di fiducia e dello specialista, a gestire la sintomatologia dell’allergia e ad evitare il contatto o l’assunzione delle sostanze poco tollerate dal proprio organismo. Come nasce l allergia
Tuttavia, quando i sintomi si manifestano per la prima volta, è necessario consultare il medico per comprendere la natura del problema a affrontarlo nel modo giusto.

Tags:

Termine del mese
Diaforetico

Si definisce diaforetica una sostanza che stimola la sudorazione (diaforesi)...

Approfondisci

Il farmaco di automedicazione, contrassegnato da un bollino rosso che riporta la scritta “Farmaco senza obbligo di ricetta”, è un farmaco per l’acquisto e l’assunzione del quale non è necessaria la ricetta medica.

Copyright © Assosalute 2014 Via Giovanni da Procida 11, 20149 Milano - Tel. +39 02 34565324