Home > Leggi news

Quell'ingranaggio usurato che scatena il mal di testa

16 gennaio 2018
News_16Gen_sm
Il dolore è abbastanza forte e assume le caratteristiche del classico cerchio alla testa, ma può avere un’origine che spesso non viene nemmeno sospettata da chi ne soffre poiché il fastidio nasce dalla dentatura. O meglio, il dolore è figlio di una cattiva posizione dell’articolazione che naturalmente collega le ossa del cranio alla mandibola, chiamata tecnicamente articolazione temporo-mandibolare. A dare il via al disturbo , che interessa soprattutto le donne e può arrivare a colpire anche cinque persone su cento, è quindi un “ingranaggio” che non lavora a dovere. Per questo spesso la soluzione alla cefalea e ai dolori che si manifestano senza un apparente motivo può venire dall’odontoiatra, visto che il problema potrebbe essere legato al rapporto tra l’arcata dentaria superiore e quella inferiore. Il rapporto tra i denti delle due arcate può comunque essere immaginato proprio come una sorta di ingranaggio: a specifiche sporgenze, ovvero le punte del dente, debbono corrispondere delle rientranze in modo che a bocca chiusa i denti superiori combacino perfettamente con quelli inferiori. Quando ciò avviene denti, ossa, muscoli ed articolazioni sono in equilibrio, e quindi anche i movimenti della bocca sono normali ed armonici. Tuttavia, se mancano dei denti o alcuni di essi sono consumati irregolarmente, o ancora, se la mandibola non è in asse con la mascella per la conformazione delle ossa, può capitare che si creino anomalie nelle strutture deputate alla masticazione, ovvero si può andare incontro a problemi dell’articolazione temporo-mandibolare e quindi a possibili “anomalie” nella masticazione che si manifestano con dolori nella zona della tempia. Spesso a questo fastidio si associano anche rumori più o meno “sinistri” quando si mangia, oltre che possibili fastidi al collo e alle spalle. Infatti, la masticazione rappresenta una sorta di “punto d’incontro” tra muscoli agonisti ed antagonisti del capo e della schiena, e l’articolazione temporo-mandibolare può essere una stazione fondamentale in questo processo. Per questo se si altera il normale meccanismo della masticazione possono comparire problemi alla schiena e al collo, così come una cattiva posizione della colonna vertebrale, ad esempio legata alla scoliosi, può dar luogo a problemi di masticazione. Insomma per evitare l’insorgere del fastidio, bisogna, soprattutto in chiave preventiva, stare attenti alla postura, muovere regolarmente il capo e la schiena e masticare con cura, verificando la salute del sistema muscolo scheletrico della nostra bocca.

Tags:

Termine del mese
Intertrigine

Lesione della pelle che si manifesta nelle zone in cui si formano normalmente pi...

Approfondisci

Il farmaco di automedicazione, contrassegnato da un bollino rosso che riporta la scritta “Farmaco senza obbligo di ricetta”, è un farmaco per l’acquisto e l’assunzione del quale non è necessaria la ricetta medica.

Copyright © Assosalute 2014 Via Giovanni da Procida 11, 20149 Milano - Tel. +39 02 34565324