Home > Leggi news

Siamo sempre più malati di techneck

14 maggio 2018
tecknet
Il termine, si sa, viene dal mondo anglosassone. Ma chi ne soffre non ha confini. E tante persone, anche da noi, si trovano a fare i conti con il techneck, due parole che si possono tradurre in modo molto semplice: collo da tecnologia. I sintomi di questa “sindrome” dei tempi moderni sono sotto gli occhi di tutti: fa male la schiena, soprattutto nella sua parte superiore, e in qualche caso compare un fastidioso mal di testa in corrispondenza della nuca. Il quadro di malessere, che una volta era  quello tipico del dentista, costretto per ore a mantenere una posizione a capo chino per poter operare all’interno della bocca dei pazienti, oggi è estremamente diffuso.
E non interessa soltanto gli adulti, ma anche, ed in misura crescente i giovani. La causa è semplice: passiamo troppo tempo chini per armeggiare su tablet e smartphone, con la conseguenza che i muscoli del collo rimangono contratti in una posizione innaturale, con il capo piegato in avanti,  anche per ore. Nel tempo questa cattiva e diffusissima abitudine comporta un progressivo mutamento delle naturali curve della colonna vertebrale con evidente trazione dei muscoli che debbono reagire alla nuova posizione.
Risultato: nel tempo compaiono i dolori che per fortuna possono essere trattati con i classici farmaci di automedicazione che si impiegano per lenire il mal di schiena passeggero o per favorire il rilassamento muscolare.
Ma sicuramente, per questa sindrome dal nome che quasi ricorda quello di un attore holliwoodiano, l’elemento più significativo si chiama prevenzione:  cerchiamo di limitare il  tempo che ogni giorno  impieghiamo per controllare il telefono e navigare su siti e social perché a volte lo facciamo anche se non è necessario o davvero divertente ma semplicemente una abitudine di cui non ci accorgiamo neanche più ma che può portare a conseguenze per la salute del nostro scheletro.

Tags:

Termine del mese
Pediculosi

Con questa parola si definisce l’infezione da pidocchi....

Approfondisci

Il farmaco di automedicazione, contrassegnato da un bollino rosso che riporta la scritta “Farmaco senza obbligo di ricetta”, è un farmaco per l’acquisto e l’assunzione del quale non è necessaria la ricetta medica.

Copyright © Assosalute 2014 Via Giovanni da Procida 11, 20149 Milano - Tel. +39 02 34565324