Home > Leggi news

Giù di morale? Non pranzate da soli!

28 settembre 2018
lasaluteviensapendo_28Set
La compagnia è la terapia ottimale per chi ha il morale a terra e soffre di ansia. Questo vale sempre e sembra avere particolarmente significato quando in compagnia si condividono i piaceri della tavola. In tal senso, per chi pensa di essere “autosufficiente” e di poter stare solo, soprattutto ai pasti dovrebbe provare a cambiare le proprie abitudini. La conferma della bontà  di quello che sembra essere una buona abitudine viene anche dalla scienza. Secondo un’analisi fatta dalla Oxford Economics, su oltre 8.000 persone nel Regno Unito, le persone che mangiano da sole presentano un punteggio di 7,9 punti inferiore, in termini di felicità, rispetto alla media nazionale. I ricercatori dell'università di Oxford hanno scoperto che più le persone mangiano con gli altri e più è probabile che si sentano felici e soddisfatti delle loro vite.
D’altro canto, la condivisione del pasto è utile anche per rimanere in salute: quando si mangia da soli si tende ad aver meno voglia di cucinare e si scelgono spesso gli stessi alimenti. Ma è proprio la varietà a farci star bene, anche nel morale.

Tags:

Termine del mese
Cefalea

Comunemente denominata "mal di testa", indica il dolore provato in qualsiasi par...

Approfondisci

Il farmaco di automedicazione, contrassegnato da un bollino rosso che riporta la scritta “Farmaco senza obbligo di ricetta”, è un farmaco per l’acquisto e l’assunzione del quale non è necessaria la ricetta medica.

Copyright © Assosalute 2014 Via Giovanni da Procida 11, 20149 Milano - Tel. +39 02 34565324